ISIL (ISIS/IS/Daesh) and western media: accidental allies?

Here below my latest opinion piece for Al Jazeera English. As for the name issue (well, Al Jazeera has a policy which is to call it ISIL), I’ve drafted my thoughts here on this blog.

ISIL and western media: Accidental allies?

ISIL’s alleged influence on social networking sites might be the result of western hype.

Last updated: 25 Sep 2014 09:02
Hardly a day goes by without reading articles on how smart and tech-savvy – yet barbarian – the Islamic State of Iraq and the Levant (ISIL) is. Typing the word “ISIL” alongside “social media”, “internet” or “media strategy” into a search engine reveals the gloomy yet fascinating world of those online jihadists who seem to be savvy enough to master, together with Kalashnikovs and knives, the modern language of the participatory Web 2.0.

Countless articles have thoroughly dissected last June’s #AllEyesonISIS Twitter campaign, launched to prove the groups’ alleged grassroots online support. Media professionals have emphasised these jihadists’ sophisticated knowledge of contemporary social networking sites, which became clear when they managed to build an Android app available for public downloading. The same was evident when they quickly migrated from Twitter to Diaspora, an online networking site, once the San Francisco-based organisation decided to shut down several of their accounts.

Western media fills its airtime and webspace with analyses of why the group provokes both repulsion and fascination among a wide audience.

ISIL obsession

The obsession with ISIL and its alleged social media success is more apparent in the West. Listening to Arabic media leads to an unexpected discovery. Quite a different framework, in fact, is employed by Arabic-speaking outlets when dealing with ISIL and its fighters.

While in the Arab media, ISIL is depicted as a western post-colonial creation, in international, English-speaking outlets, the organisation is described as a bunch of tech-savvy barbarians who inspire repulsion but also a sort of fascination for their activities in the cyber world and on the ground.

First of all, parody and irony are common on Facebook and other social networking posts that talk about ISIL. This sort of takfiri dark humour, which points to an extremist doctrine of casting others as apostates, is widely documented in Arab media, while almost ignored by its western counterpart.

A few weeks ago, a well-known satirical Palestinian TV series, “Watan ala watar” (Country on a string), came to the attention of international media forpoking fun at ISIL.

Most likely, this happened because the Middle East Media Research Institute (MEMRI), an organisation cofounded by a former Israeli military intelligence officer and based in Washington DC, had translated the clip into English and distributed it on the internet.

The excerpt shows an ISIL checkpoint where two Arab citizens, a Lebanese and a Jordanian, are stopped and executed by the fighters. Soon after, an Israeli passing by is warmly greeted and allowed to go on. This reflects a common feeling among Arab audiences: ISIL targets Arabs much more than it targets Israel or the western world.

Recently, several young Arab voices on social networking sites protested the obsessive attention given by an outraged international community to thebeheading of James Foley and Steven Sotloff after so few paid attention to ISIL’s beheading of two Lebanese soldiers and a Syrian journalist, Bassam Rayes.

Outrage on social media

Secondly, news features and op-eds produced by Arab media often read the rise of ISIL within a post-colonial framework. Several Arab analysts connect the rise of jihadist networks and sectarian groups to the imposition of borders by the Sykes-Picot agreement in 1916, which they argue resulted in entrenching sectarianism and fragmentation in the region.

Despotic regimes supported by colonial powers in order to maintain the status quo further subjugated citizens in the region through authoritarianism, and an education based on fear and the glorification of the leader’s sole authority. Within this context, civil society did not have any vital space to grow and organise itself in the shape of social movements or parties.

The “Arab Spring” was the first opportunity in decades for the people to reclaim their dignity and move Arab societies forward. However, this spontaneous movement was crushed, partly because former colonial powers had no interest in seeing a post Sykes-Picot Arab world shaped by the Arabs themselves. In an op-ed, which was recently translated into English, a prominent Syrian journalist writes: “Our entire region has been violated by those near and far in order to carry out whatever they want under the pretext of combating terrorism.”

So while in the Arab media, ISIL is depicted as a western post-colonial creation, in international, English-speaking outlets, the organisation is described as a bunch of tech-savvy barbarians who inspire repulsion but also a sort of fascination for their activites in the cyber world and on the ground.

Western hype

However, a recent study on ISIL’s activity on Twitter authored by Shiraz Maher and Joseph Carter has shown that only 50 users accounted for 20 percent of their tweets. This suggests that the organisation’s alleged influence on social networking sites might be the result of a western hype generated by the schizophrenia of our own media system, which is concerned by the threat of terrorism but simultaneously fascinated by a mediated violence that can be easily accessed via every portable device and consumed at home on HD TV screens.

A decade ago, our biggest mediated fear was a man named Osama Bin Laden who used to make his media appearances using a long shot, filmed with a fixed camera, in a simple setting with only a Kalashnikov for his background prop.

More than 10 years have now passed. The long shot has been replaced by fancy fade work, contemporary editing techniques and HD cameras. It seems that ISIL does not need TV channels anymore to spread its violent message.

Today, it has on its side the architecture of the participatory web and the viral circulation of content boosted by social media. And a very special – probably unintentional – ally: western media, drawn in by ISIL’s paradoxically hideous allure.

Donatella Della Ratta is a postdoctoral fellow at the University of Copenhagen focusing her research on the Syrian TV industry. She has authored two monographs on Arab media, and curated chapters on Syrian media and politics in several collective books.

The views expressed in this article are the author’s own and do not necessarily reflect Al Jazeera’s editorial policy.

 

 

 

The name “situation” with IS, ISIS, ISIL, or Da’esh

I hope this is the last post I wrote about ISIS (but I’m afraid it won’t be).

There is an ongoing debate not only about the “thing” but also about the “name of the thing” ISIS, ISIL, IS, or Daesh.

 

Shall we call it ISIS (Islamic State of Iraq and Syria)?

ISIL (Islamic State of Iraq and the Levant) as Obama calls it?

Or simply IS (Islamic State) as they now want us to call them?

 

The French (who are always very politically correct) have recently agreed that they will refuse to call it “state”, as it is a terrorist organisation. From now on, they will use the Arabic “Daesh”, which is by the way  the Arabic acronym that stands for “Islamic State of Iraq and Sham” (greater Syria, or Levant). In the end, the word “dawla” (state) is still there.

Perhaps as Allison Kaplan Sommers points out in this useful recap, Daesh is probably the name that mostly bothers them, cause it looks like a derogatory moniker.

True, I’ve sometimes heard my Syrian friends joking :

“I am with Daesh without the letters D, A” (أنا مع داعش بدون د ا)

The joke is not easy to make into English, but the word “Daesh” without the letters “D” and “A” becomes عش , “nest”.

We can speculate about what “I am with the nest” might mean, but I think you can figure it out, and that’s maybe why “Daesh” people are so bothered.

 

Yet, I am afraid that, as Shakespeare wrote in “Romeo and Juliet”:

 

“What’s in a name? that which we call a rose
 By any other name would smell as sweet”.

 

I’m afraid that we’re not talking about anything as sweet as a rose.

Whatever we call it, in the end ISIS/ISIL/IS/Daesh will still smell the same:

 

BAD.

 

Le nostre ossessioni di schermi, da Bin Laden allo Stato Islamico

Settembre 2001, la più grande paura (e ossessione) mediatica dell’Occidente si chiamava Osama Bin Laden. Appariva minacciosamente con il logo dorato di Al Jazeera alle spalle, l’inquadratura era studiata con semplicità, dietro il mezzobusto di Osama campeggiava un paesaggio roccioso con un solo accessorio di scena: il kalashnikov. L’apparizione parlava piano, con studiata lentezza scandiva parole in arabo classico, la lingua del Corano, ma anche della letteratura, della poesia, e dei notiziari televisivi nel mondo arabo. Bin Laden terrorizzava l’Occidente intero ma lo costringeva a tradurre, ad avvicinarci “noi” a “loro”, per comprenderne la minaccia, il perché di tanto odio, il perché di quel kalashnikov sul fondo dello schermo.

Sono passati oltre dieci anni, e tante guerre: Afghanistan, Irak, per nominare solo quelle direttamente collegate alle apparizioni televisive di Bin Laden. Il disperato nostro tentativo di spegnere quell’immagine minacciosa nel sangue: sparare a caso nei posti del terrore per stanare l’immagine e cancellarla.

Poi, dieci anni dopo, sono arrivate le primavere arabe. L’occasione storica offerta al mondo arabo per riscattarsi dalla sua “barbarie”, per provare che è capace di chiedere dignità e democrazia. L’occasione era talmente ghiotta per noi Occidente che abbiamo trovato una bella espressione pulita, “primavera”, per raccontare una stagione che doveva contenere rinascita, ma non sangue; rivoluzione, ma non violenza. I nostri media si sono uniti nell’abbraccio collettivo alle primavere arabe: rivoluzioni per il consumo digitale, i gelsomini che profumano per tutta la Tunisia, la piazza egiziana di Tahrir che offre la più bella inquadratura televisiva possibile, ventiquattroresuventiquattro accesa su un popolo che fa fuori il suo dittatore in un’atmosfera quasi carnevalesca. Il più grande spettacolo televisivo del secolo. I nostri media impazziti per questi giovani arabi, blogger, attivisti, che impugnano telecamerine e cellulari invece che il kalashnikov del loro antenato delle caverne.

E oggi arriva l’inverno. Siamo delusi, profondamente delusi da un mondo arabo che non ce l’ha fatta. Ha avuto la sua occasione, e l’ha bruciata. Il mondo arabo non è capace di chiedere giustizia, dignità, democrazia. Non è nel suo DNA. C’è qualcosa di marcio ad Oriente.

Così la primavera è finita, i media hanno cambiato i titoli.

I giovani arabi stanchi delle botte prese hanno mollato i cellulari e imbracciato -magari i kalashnikov!- pugnali e spade con cui oggi tagliano gole e teste. E così c’è una nuova minaccia che imperversa sui nostri schermi, tutti i nostri schermi mobili, portatili, piccoli e grandi: si chiama ISIS, ISIL, o semplicemente IS, Stato Islamico.

Non parla più l’idioma incomprensibile e troppo aulico di Bin Laden: si rivolge a noi direttamente nella nostra lingua, l’inglese, addirittura sfumandola nello slang cool delle periferie dove nasce il rap, l’hip hop, la cultura giovanile occidentale “cutting edge”.

Non ha più bisogno di Al Jazeera per far arrivare il suo messaggio. Ha il tesoro prezioso dell’Occidente a sua disposizione, Internet: i centoquaranta caratteri di Twitter, le segnalazioni di stato di Facebook, i “mi piace” di YouTube. Sa costruire apps che butta dentro il calderone di Google Play Store senza che neppure i nerdoni di Silicon Valley se ne accorgano. Monta video del terrore con camere HD, costruisce inquadrature complesse, zoomma e dissolve. Ed è chiaramente a noi che parla: “a message to America”.

Ironia della sorte, i nostri media che all’unisono nel settembre duemilauno chiedevano ad Al Jazeera di spegnere l’immagine di Bin Laden, di sottrarre il microfono a quella voce pacata e minacciosa in nome della sicurezza internazionale, del non istigare ulteriore odio e terrorismo, oggi fanno a gara a parlare dell’ISIS. Non passa un giorno che non si leggano articoli che ossessivamente scandagliano “la strategia mediatica” dello Stato Islamico, la loro scaltrezza techie, la loro familiarità con i “nostri” social media. Fiumi di inchiostro e pagine web e persino reportage video “embedded” con i soldati dell’ISIS – un pò come si faceva in Irak 2003 con le truppe americane -descrivono minuziosamente il loro stile di vita, nei deserti siriani ed iracheni così come online, nei meandri dei social networks dove impazzano di followers.

Tutto si compie nella celebrazione del momento: come sono bravi questi barbari, qui ed ora, a usare questi nostri media qui ed ora. Pochi, troppo pochi si sono chiesti da dove viene lo Stato Islamico, e perché si manifesti e si imponga proprio in questo momento. Le ragioni storiche vengono continuamente sacrificate all’altare dell’instantanea, dell’intervista intelligente in sessantasecondi, dei centoquarantacaratteri, dell’articolo tempo di lettura dueminuti e quarantacinque.

Eppure l’ossessione mediatica per l’ISIS è principalmente ossessione occidentale. Oggi che Al Jazeera esce di scena come megafono necessario di Bin Laden, oggi che il mondo arabo sta veramente cambiando sotto i nostri occhi, anche se non ce ne accorgiamo mentre misuriamo il cambiamento in termini stagionali di primavere ed inverni, oggi anche i media arabi parlano un’altra lingua quando parlano dell’ISIS. Leggere articoli della stampa araba o ascoltare discussioni sui canali panarabi apre lo sguardo su un altro mondo: il binomio ISIS-social media è lontano dalla glorificazione a cui lo sottopone l’Occidente, e lungi dall’essere il solo, ossessivo punto di discussione. L’esistenza dello Stato Islamico ha aperto un dibattito nel mondo arabo (e anche una spaccatura nel mondo sunnita) che si riflette sui media: cosa vuol dire essere musulmano oggi, da dove arriva questa violenza, cosa ne è delle nostre rivoluzioni, come facciamo ad impedire che il terrorismo non sia una nuova scusa fabbricata per sottometterci ancora, un nuovo Sykes-Picot rivisto e aggiornato in versione 2.0.

Ascoltando quello di cui discute il mondo arabo un dubbio emerge: che sia la nostra ossessione a produrre il mostro che ci perseguita. Come se a furia di discutere morbosamente dei talenti multimediali dell’ISIS lo facessimo diventare veramente talentuoso. Legittimamente sale il dubbio se il silenzio stampa che cercavamo di imporre ad Al Jazeera negli anni di Bin Laden non fosse piuttosto la nostra rabbia di non avere noi, sui nostri schermi, il terrorista del momento in diretta esclusiva. Lo Stato Islamico sembra aver colto questa contraddizione in cui ci dibattiamo, e per questo forse non crea problemi se a chiedere di seguire i suoi soldati giorno e notte a Raqqa e dintorni è Vice, la bibbia del glamour lifestyle, che spazia da come si cucina sano e vegano a come si muore barbaramente decapitati per mano di un gruppo sanguinario ma tecnologicamente cool (e nessuno, ahimé, nel nostro civile Occidente si scandalizza se il giornalista decapitato di turno si chiama Bassam Raies, ed è siriano: ma urla vendetta quando lettere a noi familiari riempiono i sottopancia degli schermi di sangue).

E’ come se l’ISIS abbia toccato il punto più debole del nostro Occidente: la morbosità per lo spettacolo violento; ma che sia e rimanga, appunto, spettacolo. Che ci siano migliaia di schermi, piccoli e grandi, camere e YouTube, portatili e HD home video, fra “noi” e “loro”. Il binomio nuova tecnologia e violenza che alle nostre teste occidentali sembra così assurdo, così inaccettabile (“barbari” e “tecnologici” sono due parole che spesso mettiamo insieme nelle nostre analisi); dentro le nostre pance, invece, quelle a cui parlano i media -l’emisfero destro di McLuhan -, fa scattare qualcosa di ancestrale.

Dalla fine della seconda guerra mondiale abbiamo scacciato la guerra e la violenza fuori dalle nostre porte di fortezza occidentale. La morbosità per la violenza si è trasferita sugli schermi, si è mediatizzata, il sangue si è sciolto nei pixel dei nostri HD home video, ma è ancora lì in agguato. E ci piace ancora consumarla, esaltarla nel momento stesso in cui ufficialmente la ripudiamo.

201407171020903

Recupero il bel libro di Don De Lillo, “Mao II”. E’ profetico quando osserva che:

c’è un curioso nodo che lega romanzieri e terroristi”. “In Occidente”, dice Bill il romanziere protagonista del libro, “noi diventiamo effigi famose mentre i nostri libri perdono il potere di formare e di influenzare (…). Anni fa credevo ancora che fosse possibile per un romanziere alterare la vita interiore della cultura. Adesso si sono impadroniti di quel territorio i fabbricanti di bombe e i terroristi”.

Gli scrittori hanno ceduto il passo ai terroristi, che parlano alle coscienze più dei libri che scriviamo, delle nostre pallide riflessioni intellettuali, dei nostri dibattiti timidi. Invece i terroristi parlano la lingua trionfante della contemporaneità, la lingua veloce degli hashtag e dei “mi piace”. E i nostri media gli offrono schermi e pagine su un piatto d’argento.

Perché di fondo esiste una lingua comune, una lingua che accomuna la nostra ossessiva voglia di consumare violenza e coloro che la violenza la producono.

Nel mezzo, c’è un mondo arabo che il mondo ignora perché non riesce ad entrare nei centoquarantacaratteri e non si riassume in hashtag, non si filma e dissolve in HD, e la sua primavera non è passata attraverso il profumo dei gelsomini digitali ma continua a puzzare di corpi martoriati, carne e sangue di gente che ancora muore -mentre sui nostri media si esaltano l’ISIS e i media- per ragioni che forse non abbiamo mai veramente voluto ascoltare.

Against the odds: Syria’s flourishing mediascape

While everybody talks about ISIS or the Syrian regime there is indeed an effort being made by civil society and media activists to build an infrastructure for media pluralism: against all odds. My latest article for Al Jazeera English, authored with Enrico de Angelis and Yazan Badran, takes a look at Syria’s emerging mediascape.

 

Wael Adel, 30, the manager of Nsaeem Syria radio station, records material in the studio in the northern Syrian city of Aleppo [AFP]
These days the attention of the international public seems to have been captured by the Islamic State’s online propaganda war and its skills in mastering social media campaigns. However, there is another, less trumpeted, media revolution happening  in the Arab region.

Since the Syrian uprising started in March 2011, grassroots media outlets have been flourishing within the country and among the diaspora. In a recent study commissioned by Danish NGO International Media Support, we have counted more than 93 online and broadcast radio stations, printed magazines and online publications, and web-based news agencies. And more are being launched, day by day, inside Syria, and at the initiative of Syrians living in Turkey, Lebanon, France, Germany, Jordan, Egypt, and the Netherlands.

When the uprising broke out  in March 2011, Syria was an information desert.  At the time, Syrian government-owned press and broadcast media held a tight monopoly on the production of information, with only a handful of private actors operating in the media business.

All of these – satellite channel Addounia TV, the al-Watan print newspaper, radio stations such as Madina FM or publishing group Cham Press – were in the hands of entrepreneurs acting as regime proxies, and closely associated to al-Asad’s family by business or kinship.

Names such as Mohammed Hamsho, Rami Makhlouf, Mayzar Nizam Eddine have all been targeted by the uprising as symbols of crony capitalism and corrupted business powers that had left no margins for grassroots media to flourish. Their monopoly has now been broken.

‘Social programming’

Today all sorts of Syrian media outlets target the country offering news, talk shows, music, and a totally new genre which they like to call “social programming”. Mostly popular with radio stations, it deals with everything concerning civil society and daily life in war circumstances or under military rule, whether in regime or opposition-held areas.

Listening Post – The fog of Syria’s media war

The audience calls in and debates issues such as healthcare, children education, and discusses possible solutions to daily life crises, such as power outages, the lack of water and gas, and how to cook food in dire circumstances.

Another type of content focuses on reporting about activists’ daily efforts inside the country to provide humanitarian aid and assistance, rebuild schools, find alternative ways to provide education to the youth. “Balad” (country) and “muwatin” (citizen) are recurrent words within this genre of media content.

Sometimes forums are provided to discuss politics in “street language”, debating concepts such as democracy and the rule of law in Syrian dialect, so as to make it closer to the population. Radio stations seem to be the best tools to convey this content: Interactive and open to the community, alternative FM services are mushrooming inside Syria. Their FM signals cover almost the entire country, including pro-regime strongholds such as Latakia.

In opposition-held areas experiencing a dramatic shortage of electricity, radio services are much more popular than the internet as a way to stay informed. Moreover, their “conversational” nature makes radios the ideal place to try out new formats and involve the audience in the content creation process. Many new outlets, in fact, are currently experimenting with languages and formats that heavily rely on the interaction with the audience.

Also print and online publications are flourishing, both in areas that are under regime control as well as in those managed by all sorts of armed groups. Many of them make use of different languages spoken inside Syria, such as Kurdish, alongside with modern standard Arabic. Several target niche groups such as women, children, religious minorities, the youth. Others focus on providing analyses that rely on the contributions of professional journalists and Syrian intellectuals in order to debate issues such as transitional justice or human rights-related issues.

A wide variety of political views  are represented in these publications, from the staunch anti-Assad’s positions to those who prefer to seek a dialogue with the pro-regimes and focus on building a shared ground for the country’s future.

Challenges ahead    

The dynamic growth of media has its downside. Fragmentation of media outlets, lack of professionalism, unskilled labour, poor transparency over funding and partisanship are the most recurrent problems of Syrian grassroots media.

Some  outlets are loosely associated with opposition political groups, military or religious factions. Many of them, in order to survive, have to rely on funding that comes mostly from abroad, namely the US, France or Germany – countries that have set programmes of non-lethal assistance to the Syrian uprising.

Al Jazeera World – Syria: Wounds of War

Often times this media aid translates into technical assistance and training, delivery of equipment such as FM transmitters for radio stations or printing facilities for news publications. More rarely, the financial support goes into funding specific content or training.

Despite all the challenges that they are facing, these grassroots media have gained much more experience and awareness than they could have hoped for three years ago. In 2011, every Syrian  who had a small camera, a computer and access to the internet would consider himself a “citizen journalist”.

In 2014, almost every Syrian  interviewed for this research study had a critical view of what constitutes “citizen journalism”. Beyond the Western cliche that has romanticised the idea of citizen journalism, Syrian activists now question both words, citizen and journalist. On the one hand, experience has taught them that it was probably too early to talk about citizens’ media in a country where the idea of active citizenship had been used in official rhetoric for decades and yet was never put into practice.

On the other hand, Syrians have been forced by circumstances to learn the basics of newsmaking; yet, now they realise the difference between this “militant” reporting and professional journalism. So they are trying to move to the next step. Pursuing more balanced, less inflammatory content, and focusing on civil society-related issues are part of their attempt to rebuild the country’s social fabric instead of stressing partisanship, whether political or sectarian.

Many of these grassroots media outlets are shaping collective platforms to set common rules and ethical standards, explore alternative business models and find ways to survive financially. Initiatives are starting to emerge among Syrian media outlets to define a shared, non-partisan, non-sectarian language. Activists are asking for more training sessions and workshops to train people as administrative staff, supervisors, and media managers who will be needed to turn these loose media groups into cohesive media organisations.

With increasing awareness of the mistakes that have been made, Syrian activists, once armed with small cameras and producing “militant” content, are now trying to build a more professional environment, and create an infrastructure for independent media to operate in the future.

This process is progressing slowly but surely. It is yet another sign of the existence of a concerned civil society in Syria which is struggling to survive and to maintain a media presence, too. Meanwhile, international media attention  continues to focus on the regime in Damascus or to armed groups, forgetting about a society that is learning day-to-day practices of democracy, against all odds.

Enrico De Angelis is a media researcher at CEDEJ (Egypt-Sudan). He has lived in Cairo since September 2011.

Follow him on Twitter: @anomiamed

Donatella Della Ratta is a PhD fellow at University of Copenhagen focusing her research on the Syrian TV industry.  

Follow her on Twitter: @donatelladr

Yazan Badran is a blogger and media researcher. He is based in Brussels, Belgium.

Follow him on Twitter: @yazanbadran

 

Originally published on Al Jazeera English, 30 August 2014

Riflessioni sparse su ISIS, stampa, e attivismo in Italia

In questi giorni l’ISIS o ISIL o semplicemente IS è tornato alla ribalta della stampa mondiale dopo il video shock dell’uccisione del giornalista americano James Foley. 

Come se prima la “minaccia ISIS” non fosse esistita, o fosse stata miracolosamente sotto controllo (tanto è “circoscritta” alla Siria e all’Irak), ora invece non si sente che parlare di questo, ovunque.

Sono abituata a leggere una stampa italiana facilona, leggera, poco informata e molto ideologica soprattutto quando si parla di Medioriente.

E però oggi quello che mi colpisce di più sono le dichiarazioni del gruppo Wu Ming, riprese da molti attivisti e ribattute sui social network come santa verità. Premesso che rispetto il lavoro di Wu Ming su altri fronti, devo però dire che i loro 30 punti pubblicati su Twitter a proposito dell’ISIS fanno acqua dappertutto.

Innanzitutto per la centralità accordata al PKK e al suo ruolo nel combattere l’ISIS, senza nemmeno fermarsi un attimo a pensare da dove nasce in realtà questa formazione estremista, e cioè innanzitutto dalle radici malate del regime siriano. Purtroppo, cari Wu Ming, se il PKK ha piede libero per combattere l’ISIS è anche perchè al regime siriano il PKK non dispiace, nella misura in cui dà fastidio alla Turchia. La Turchia infatti è oggi nemica giurata di Assad, che ha fatto di tutto in questi ultimi anni per supportare lotte indipendentiste che diano fastidio ai turchi, ergo il PKK è lasciato libero di operare.

Sostenere che il PKK sia la forza principale di resistenza anti-ISIS è un grave errore storico, che non tiene conto di come è iniziata la rivolta in Siria, nè delle forze in campo sia all’interno del regime siriano che in quel ginepraio che si chiama oggi opposizione siriana. E’ grave, però, nonostante il caos oggettivo che si è prodotto all’interno delle fila della resistenza anti-Assad, scrivere che ci sono “altre resistenze all’ISIS, episodi di rivolta e di risposta armata anche da parte di popolazioni arabe sunnite”. Che vuol dire, cari Wu Ming? che i sunniti stanno lì a guardare l’ISIS o a parteggiare per loro, se non qualche sporadica “popolazione” che vi si oppone?

Chi sono, poi, secondo voi, i sunniti? la maggior parte della popolazione della Siria è sunnita. Voi a chi vi riferite? sono tutti con l’ISIS, tranne qualche sporadica “popolazione”? che vuol dire, poi, “popolazione”?

E poi, voi dite che “molti combattenti (del PKK) in prima linea sono donne. Cosa che fa sclerare una forza ultra-misogina come l’IS/ISIS”. Certo, l’ISIS è misogina, non ci sono dubbi. Ma non si può affermare che non ci sono donne a combattere con l’ISIS, anzi, ci sono addirittura battaglioni. Se leggete l’arabo vedete cosa dice la stampa araba in proposito, per esempio qui.

Dire che “il PKK è una forza di massa laica” non basta. Cerchiamo di evitare la pericolosa equivalenza: laici=buoni vs islamici= cattivi. L’ISIS non c’entra con l’Islam, usa l’Islam come scusa, come tanta politica -dappertutto nel mondo, non solo quello arabo- ha da sempre usato la religione come giustificazione di atti efferati.

D’altra parte però il laicismo non è per sua natura sinonimo di bontà, libertà e democrazia. Assad allora dove lo mettiamo? In questi giorni il regime siriano riprende punti in Occidente proprio perchè è “laico”. Ma il regime di Hitler non era laico lo stesso?

Non so perchè il centro del vostro articolo sia il PKK, formazione che non è centrale nell’esistenza (e nemmeno, purtroppo, nella possibile sconfitta) dell’ISIS. L’ISIS è il prodotto di una situazione istigata dal regime siriano fin dall’inizio di una rivolta popolare che era, quella sì, “laica”, ma nel senso che urlava: il popolo siriano è uno. In piazza sono scesi cittadini siriani di tutte le fedi, sunniti, sciiti, alawiti, curdi, cristiani, tutti uniti nella richiesta di diritti civili. Assad e il suo regime “laico” hanno da subito giocato una carta settaria; dopo tre anni di morti, violenze, repressioni, pare che abbia dato i suoi risultati. Dall’altro lato, l’America ha chiuso un occhio su stati del Golfo che, indirettamente tramite donatori privati e vie traverse, finanziavano gruppi armati di estremisti sunniti invece che supportare una resistenza civile siriana che a nessuno, pare, interessava vincesse. Vi consiglio questo articolo che spiega i legami fra l’Arabia Saudita e il jihadismo sunnita, molto ben scritto e informato; e quest’altro, del Guardian, sui legami fra Assad, al-Maliki, e l’emergere dell’ISIS.

Il centro della questione non è il PKK; non sono le donne; non è il laicismo. Il centro della questione è un regime disposto, pur di soffocare una rivolta interna, trasversale alla popolazione, di tutte le appartenenze religiose ed etniche, a soffiare sul fuoco dell’odio settario; a trasformare il tutto in una guerra “sunniti-sciiti”, dove i sunniti sono ormai tutti jihadisti estremisti e gli sciiti – cioè l’Iran, e la stessa Siria della casa alawita di Assad – stanno tornando a fare la parte dei “buoni”.

La profezia del terrorismo islamico che il regime di Assad sbatte in faccia al mondo dalla primavera 2011 (quando in piazza c’era gente con le mani alzate che moriva a grappoli) si è finalmente “auto-avverata”. Oggi non solo il terrorismo islamico è di nuovo una realtà; ma è una realtà che serve a legittimare internazionalmente la Siria di Assad, “laica” e “anti-jihadista”, con cui adesso gli Usa e l’Europa finiranno persino per allearsi per combattere il mostro islamista. Il paradosso è che questo mostro proprio da loro, proprio da noi, è stato generato. E oggi ci interessa soltanto sconfiggerlo, dimenticandoci delle decine di migliaia di attivisti pacifisti messi in galera da Assad, senza processo, che forse mai più usciranno di prigione; dei milioni di sfollati siriani, dentro e fuori la Siria; dei bombardamenti che continuano imperterriti in Siria, in zone dove l’ISIS non c’è (vedi il campo palestinese di Yarmouk), e dove invece l’ISIS c’è, beh vediamo quante volte l’esercito siriano ha veramente provato a bombardarlo. Ci dimentichiamo dell’attacco chimico di soltanto un anno fa, quando il dito del mondo, prima di tutti degli USA, era puntato contro Assad. Ci dimentichiamo delle migliaia di oppositori del regime, alawiti, cristiani, laici, e non solo sunniti, intellettuali, artisti, professori universitari, in esilio in Europa che provano a farci capire con che tipo di regime abbiamo a che fare. Ci dimentichiamo persino di ex-appartenenti al regime, militari e non, cristiani, alawiti, sunniti, che una volta lasciata la Siria hanno raccontato delle torture, delle morti, delle violenze del casato di Assad.

Tutto questo ce lo dimentichiamo, in nome della santa guerra al terrorismo islamico. Assad ha ben imparato la lezione degli USA: quando sei in pericolo costruisci un nemico più grande. Così ha fatto. L’ISIS ha salvato Assad. Assad ha bisogno dell’ISIS, per riguadagnare legittimità internazionale. Europa e USA hanno bisogno di Assad per salvarci dalla minaccia del terrorismo internazionale.

E articoli come quelli che escono sulla stampa nostrana, compreso il vostro cari Wu Ming, non fanno che semplificare una questione che diventa sempre più complicata, e fanno perdere di vista il fatto che il popolo siriano, nella sua ricchezza e diversità etnica e religiosa -e non solo i curdi del PKK che ci piacciono perchè sono “laici e femministi e socialisti libertari” -sta soffrendo e prova a combattere una doppia mostruosità, quella dell’ISIS e del regime che l’ha creato.

Remembering the chemical attack in Ghouta

….one year has passed since a chemical attack was launched on “Ghouta”, in the outskirts of Damascus, the area which was once known as “the green belt”, “the oasis” of Damascus..

A Facebook group called Ghouta-we will never forget you and a number of other initiatives – such as a Global Day of solidarity with Syria and the Twitter campaign under the hashtag #breathingdeath – have been launched.

One year has passed, and people are still dying in Syria, with or without gas, with or without chemical attacks.

In this crazy summer, when the entire Middle East is burning, and Libya, Palestine, Iraq, so Arab many countries seem to be in a status of permanent unrest; when the “fight against terrorism” aka ISIS seems to have taken center stage -with none asking from where this terror has originated and why-, we won’t forget Ghouta.

Ghouta is constantly there to remind all of us that humanity has failed, once again…

 

Ghouta_FB_19Aug2014 Ghouta2 Ghouta4 Ghouta6 moaddamiyeh2 moaddamiyeh4 moaddamiyeh21aug2014 Gouta5 moaddamiyeh5

 

Posters from the Facebook group in solidarity with Ghouta

Graffiti from Mouaddamiyeh, Damascus

La sicurezza e il Teatro Valle in (un sogno di) una notte di mezz’estate…

In genere su questo blog parlo di mondo arabo, di media e Internet, e soprattutto in inglese.

Ma sento doveroso oggi parlare di Italia, di Roma, di occupazioni e beni comuni, e in italiano.

Dall’estate del 2011, poco dopo essere rientrata dai miei anni siriani, ho scoperto un gioiello al centro della mia città: il Teatro Valle, che era diventato dal giugno di quell’anno Teatro Valle Occupato grazie all’iniziativa di lavoratori dello spettacolo e attivisti. Sono stata immediatamente colpita da quell’energia, dalla forza di questa occupazione “atipica”: un teatro storico, al centro di Roma, in un quartiere ormai diventato parco giochi per ricchi e turisti..

Ho passato tutto il tempo che potevo, fra i miei viaggi mediorientali, a parlare con gli “occupanti”, ho scritto su di loro un paio di articoli qui e qui per Al Jazeera English, ho frequentato gli spettacoli, i workshop, i commons caffè, e ho avuto anche la fortuna di poter realizzare dei laboratori e degli eventi al Valle Occupato.

Ho visto centinaia di occupazioni in America, da Occupy Wall Street a Occupy DC, in altri paesi europei. Niente mi è sembrato così vitale e innovativo come il Valle Occupato, nel suo tentativo di trasformare un’occupazione di un luogo fisico nell’occupazione di luoghi molteplici della creatività, nella sperimentazione di linguaggi e forme di partecipazione, nello studio di letterature finora poco esplorate in Italia come tutta la tradizione giuridica dei Commons.

In questi giorni il Comune di Roma, risvegliatosi dal suo torpore, anche grazie alle sollecitazioni degli “occupanti” -che hanno dato vita a un’esperimento inedito in Italia e forse nel mondo, trasformare un’occupazione in una Fondazione con 5600 soci e un capitale raccolto tramite donazioni spontanee per un totale di oltre 150.000 euro – i quali chiedono una legittimazione di quest’esperienza e un nuovo modo, partecipato, di gestire la programmazione culturale in città, ha dato l’ultimatum. Entro il 31 luglio gli “occupanti” se ne devono andare, il teatro ha bisogno di lavori urgenti e restando lo metterebbero in pericolo.

ASSEMBLEA-NAZIONALE-2-AGOSTO1-619x350

Il Teatro Valle ieri durante l’assemblea generale, foto ValleOccupato

Quello che mi disturba in questa faccenda non è tanto la scusa banale dei lavori – parlare di lavori urgenti in estate inoltrata in una città come Roma dove la metro C langue da anni, e il Teatro India pure , è di un’amarezza paradossale – ma il fatto che mettendo la discussione su questo piano si instaura un dialogo sbilanciato, che non riconosce tre anni di esperienze innovative e non dà alcun credito a quei 5600 soci, ai premi internazionali, agli articoli, alle petizioni, al sostegno del quartiere. Si dice agli “occupanti”, come se fossero dei “regazzini”: mo ve dovete leva’ de mezzo. Si sposta il dibattito sulla questione dello spazio fisico, e gli argomenti pro e contro vengono formulati sul grande parametro della “sicurezza”, il grande abbaglio della sinistra italiana postveltroniana. Perciò, gli “occupanti” se non escono mettono in pericolo, mettono a repentaglio la sicurezza. E tutta l’esperienza di questi anni viene ridotta a una mera questione di lavori di ristrutturazione.

Gli “occupanti” non hanno chiuso le porte al dialogo, anzi hanno dato disponibilità ad andarsene, con una serie di condizioni, nella “notte dei desideri”, il 10 agosto prossimo. Ieri un’assemblea gremita di gente in un caldo pomeriggio agostano ha consigliato agli occupanti di resistere, di non mollare, con varie argomentazioni.

Personalmente, la mia é che una trattativa va fatta fra pari, le parti devono riconoscersi pari dignità, il che vuol dire che il Comune deve riconoscere al Teatro Valle di non essere più un’occupazione ma una Fondazione. La Fondazione Valle Bene Comune, che il prefetto non riconosce per un cavillo giuridico legato alla sede legale della stessa, deve essere riconosciuta in sede politica adesso, urgentemente, e prima che si parli di qualsiasi appuntamento per la ristrutturazione del teatro.

E se la politica non vuole riconoscere un movimento di cittadinanza, se la politica si ostina a porre la questione in termini di “sicurezza”, allora io penso che si debba anche prendere la responsabilità dello sgombero violento, al centro di Roma. Il Comune faccia vedere che usa le maniere forti, invece di nascondersi dietro alla scusa della “sicurezza”. Si prenda la responsabilità di sgomberare un’esperienza cittadina riconosciuta, ammirata, premiata, che ha offerto laboratori, spettacoli, formazione, per tre anni di seguito senza mai chiudere.

L’assessore alla cultura non twitterà allora una cosa come quella di qualche giorno fa:

Quello che speravo: ! La nostra proposta fa voltare pagina

Il Comune spera di uscirne con le mani e la faccia pulita, pubblicamente. Come un mediatore che propone un’opportunità agli “occupanti”, una via d’uscita dignitosa.

Invece, si prenda le responsabilità di uno sgombero brutto e cattivo, se è questo che vuole, senza tweet concilianti.

Oppure apra una trattativa vera, fra pari, con un calendario serio di lavori, per tappe, per appuntamenti, con una commissione di garanti del processo, super partes. Non questo ridicolo tour de force agostano, non con l’argomento dei lavori di ristrutturazione.

Questa città e le sue energie creative si meritano tanto, ma tanto di più.